10-08-2020

“Doveva essere il provvedimento della svolta, del definitivo rilancio del Paese e dei sostegni concreti alle famiglie e alle imprese. Il decreto agosto, invece, peraltro un oggetto ancora misterioso per quanto riguarda la stesura dell’articolato, è l’ennesimo pacchetto normativo in salsa italiana, in vista della scadenza elettorale: un po’ di misure a pioggia, qualche rinvio di scadenze fiscali e una serie di proroghe. Un’altra farsa, la terza. Risultato: il PIL del nostro Paese continuerà a camminare su un piano inclinato e, in assenza di uno scatto di reni, continuerà  a crollare. Altro che tunnel sottomarino sotto lo Stretto di Messina, l’ennesimo specchietto per le allodole, mentre piccole e medie imprese sono allo stremo,  in un tunnel, quello sì, senza luce, a cominciare dagli alberghi e dai ristoranti”. Lo dichiara il segretario generale di Unimpresa, Raffaele Lauro, aggiungendo che “bisogna porsi la domanda se questo governo, sempre più debole e sostenuto da una maggioranza senza spina dorsale, sia in grado di dare all’Italia quello di cui c’è davvero bisogno, per uscire da questa maledetta crisi”. 

Scarica la notizia in pdf