SORRENTO E TOTÒ. DOMENICA 24 SETTEMBRE, ALLE ORE 10.30, CELEBRAZIONE AL PALAZZO MUNICIPALE DI SORRENTO DEL 50MO ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA DEL PRINCIPE DELLA RISATA (1967 - 2017). IL MITO IMMORTALE DI TOTÒ IN UNO SPLENDIDO SAGGIO DI GIANNI AMBROSINO E DI ALDO DE FRANCESCO

05-09-2017

L’Amministrazione Comunale di Sorrento rende omaggio al grande Totò con la celebrazione, al Palazzo Municipale, del 50mo anniversario della scomparsa del principe della risata, avvenuta a Roma il 15 aprile 1967. Nato a Napoli il 15 febbraio 1898, Antonio De Curtis è stato non soltanto il più grande attore comico della storia del teatro e del cinema, ma anche un raffinato intellettuale, come poeta, drammaturgo, paroliere e cantante. Amatissimo da generazioni di italiani e apprezzato dai giovani, Totò viene narrato, come uomo e come artista, nel bellissimo libro, edito dalla Iuppiter Edizioni, “Totò sbanca”, curato da Gianni Ambrosino e da Aldo De Francesco, due maestri di giornalismo e interpreti raffinati della cultura partenopea. L’ opera sarà presentata, in occasione della celebrazione, domenica 24 settembre, alle ore 10.30, nella Sala Consiliare “Torquato Tasso” del Palazzo Municipale di Sorrento (Piazza S. Antonino, 1). Apriranno la manifestazione i saluti del sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, e dell’assessore alla Cultura, Maria Teresa De Angelis. Introdurrà e modererà l’evento culturale il giornalista Antonino Pane. Relazionerà sui contenuti dell’opera e su “Totò nella storia del cinema italiano” Giuseppe Alessio Nuzzo, regista e direttore del Social World Film Festival. Concluderà la celebrazione lo scrittore Raffaele Lauro. Saranno presenti i curatori del libro. “Plaudo - ha dichiarato Lauro - a questa significativa e importante iniziativa dell’Amministrazione Comunale di Sorrento, credo, infatti, sia la prima volta che Totò venga celebrato ufficialmente a Sorrento, con la presentazione di questo saggio dei brillanti giornalisti napoletani Gianni Ambrosino e Aldo De Francesco, i quali raccontano vita e carriera di un gigante dello spettacolo e della commedia dell’arte italiana. Gli autori svelano, inoltre, con episodi inediti, grandezze, amori, fragilità e sogni del marziano del Rione Sanità. Invito tutti gli estimatori di Totò, a Sorrento e nella Penisola Sorrentina, a partecipare, perché le appassionanti e divertenti pagine di questo libro consacrano un mito, che sfida il tempo e che merita di essere rivissuto e conosciuto anche dalle nuove generazioni”.



Antonio De Curtis, in arte Totò

Torna Su